Richard Sapper | intOndo

Richard Sapper

Vincitore di dieci Compassi d’Oro, il designer tedesco Richard Sapper (1932 – 2015) si è cimentato, nella sua carriera quasi sessantennale, nella progettazione degli oggetti più vari, dalle automobili ai bollitori, dagli arredi ai primissimi computer portatili. Le sue poliedriche collaborazioni includono marchi come Fiat, Pirelli, Alessi, B&B Italia, Knoll, Kartell, solo per citarne alcuni. Dopo gli esordi presso la Mercedes-Benz, nel '58 Sapper si trasferisce a Milano, dove collabora con Gio Ponti, poi con Marco Zanuso: con quest’ultimo realizza alcuni progetti per la Brionvega, tra cui una serie di televisori e la mitica Radio Cubo Ts502 (1962), tipicamente anni '60 nella sua forma compatta ma armoniosa. Nel '72 firma per Artemide un altro grande oggetto di culto del '900, la lampada alogena da lavoro Tizio con testa orientabile. Nell’'80, Sapper diventa il più importante consulente di IBM per cui progetta, nel '95, il celebre pc portatile Think Pad.

A tu per tu con i designers

Gio Ponti

Piero Fornasetti

Fratelli Castiglioni

Joe Colombo

Nanda Vigo

Ettore Sottsass

Marco Zanuso

Luigi Caccia Dominioni

Ico Parisi

Charles & Ray Eames

Gae Aulenti

Pietro Chiesa

Vico Magistretti

Giotto Stoppino

Tobia Scarpa

Carlo Nason

Marcello Cuneo

Vittorio Dassi

Paolo Buffa

Max Ingrand

Gastone Rinaldi

Pia Guidetti Crippa

Gaetano Pesce

Richard Sapper

Ingo Maurer

Gabriella Crespi

Paul McCobb

Paul Tuttle

Nendo

Alvaro Siza

Carl Jacob Jucker

Ernesto Basile

Sergio Mazza

Osvaldo Borsani

Oscar Torlasco

Le Corbusier

Willy Rizzo

Gaetano Sciolari

Carlo De Carli

Angelo Lelli

Gino Sarfatti

Marcel Breuer

Carlo Scarpa

Massimo & Lella Vignelli

Claudio Salocchi

Toni Zuccheri

Aldo Tura

Verner Panton

Giancarlo Piretti

Gianfranco Frattini

Guglielmo Ulrich

Franco Albini

Philippe Starck

Angelo Mangiarotti

Enzo Mari

Tito Agnoli

Kazuide Takahama

Eero Saarinen

Ludwig Mies van der Rohe

Alessandro Mendini

Mario Bellini

Cleto Munari

Carlo Mollino

Bruno Munari